pacchett2017-250

Le terre del feudo

stradavino3E' passata da poco l'alba. Il grigiore mattutino lascia lentamente il posto ai colori più decisi del giorno. Dopo una particolare colazione con fichi d'india appena raccolti dalla pianta, comincia l'affascinante fase di preparazione dei cavalli. L'aria si fa più calda e pesante, pregna dell'odore forte del cuoio ingrassato.

Saliti in sella, la guida ci porta in direzione sud-ovest verso le antiche terre dei Principi di Sirignano. Attraversando un territorio la cui pezzatura è il risultato dell'alternarsi di vigneti e  grandi distese di seminativi si arriva al Baglio Sirignano.
La struttura dalle imponenti dimensioni domina il territorio sottostante.
A testimonianza di come anticamente l'attività agricola fosse legata ad essa, sono gli enormi magazzini del vino e del frumento ed ancora i quaranta palmeti per la pigiatura dell'uva che si trovano al piano terreno.
D'obbligo una visita alla vicina Azienda Agricola Spadafora-Virzì che offre ai visitatori un centro di accoglienza e degustazione ed è meta di turisti e studiosi provenienti da tutta L'Europa.
Così come l'Azienda Agricola Ceuso, giovane struttura allocata in un baglio di fine '800, che produce vino rosso ad alti livelli qualitativi, come le più importanti aree enologiche italiane. Altrettanto interessante è una visita alla Cantina Rapitalà, situata nel centro della zona D.O.C. Bianco Alcamo, terra ideale per produrre vino di "Chateau" di eccellente qualità. Lo stabilimento vanta moderne attrezzature per la lavorazione dell'uva, del mosto e del vino.

ITINERARIO Case Simeti - Cantina Sociale S. Antonino - Case Valdibella.
DURATA 7/8 ore
DIFFICOLTA' Medio/Difficile
TERRENI Stradone di campagna in terra battuta
AMBIENTI Vigneti, uliveti e agrumeti



Immagine12