pacchett2017-250

La Rocca di Calatubo e la terrazza della fico

stradavino1Partendo dal centro ippico "Lo Sperone", che si trova a circa 2 km dalla periferia nord di Alcamo, in c/da Valle Nuccio, si imbocca una trazzera che si snoda in direzione nord, verso il mare. Isola dai colori cangianti, la Sicilia in questa zona è ricca di vigneti, la maggior parte dei quali a spalliera, e di grandi distese di grano. L'andatura rassicurante del cavallo al passo, ci permette di osservare meglio alcune piccole bianche costruzioni rurali, testimonianza della puntuale presenza dell'uomo e della sua operosità.

La prima tappa, dopo circa 30 minuti, è quella della Rocca di Calatubo, dove si erge un maestoso rudere medievale che ancora oggi sembra voler assolvere l'antico ruolo strategico di controllo del territorio.
Dalla Rocca infatti si domina un'ampia ventosa vallata che scivola verso il mare. Lasciandosi alle spalle il rudere col suo fascino antico, si imbocca la trazzera che prosegue verso valle e in poco tempo si raggiunge un'antica struttura rurale; le collagene, meglio conosciuta come fattoria Manostalla.
Mantenendo il passo, la guida ci conduce in direzione sud-est in un susseguirsi di tratti di terreno di diversa natura, in un lembo di terra assolata dove il fico d'india cresce imponente e ci porta fino al maestoso "Baglio della Fico". Il caseggiato fu costruito su un preesistente impianto da Don Nicolò Pastore, che lo lasciò al figlio Barone Felice Pastore, il quale nella prima metà dell'800 lo ampliò annettendovi una cappella.
Il caseggiato fu costruito su un preesistente impianto da Don Nicolò Pastore, che lo lasciò al figlio Barone Felice Pastore, il quale nella prima metà dell'800 lo ampliò annettendovi una cappella. Uscendo dal Baglio della Fico ci si immette in una stradella che costeggia il caseggiato in direzione sud-est e si continua su una pista che ci porta verso una splendida dimora baronale, in stile neogotico, che è la Villa De Stefani.
Sulla via del ritorno, nelle vicinanze del centro, presso un ovile, è prevista una "zabbinata" di siero e ricotta calda, preparata al momento dal pastore e un assaggio di formaggi tipici.

ITINERARIO Castello di Calatubo – Masseria Chiarelli – Masseria Pastore – Masseria De Stefani.
DURATA 4/5 ore
DIFFICOLTA' Facile
TERRENI Stradone di campagna in terra battuta
AMBIENTI Vigneti e uliveti



Immagine3